HIPORABUNDIA

RACCONTI, LIBRI E ALTRI SCRITTI

E POI? / Quarantesimo giorno

Case: piccole, grandi, grandissime, ville, villette, villone.Balconi: grandi, piccoli, piccolissimi, terrazze, giardini, finestre, finestrelle. Mare, fiumi, laghi, montagne. Boschi, prati, fiori, fiorellini, papaveri. Cani, gatti,…
Leggi

CICLOPI

So da dove arrivate. L’ho scoperto ieri, tra un ricordo e un se di infantile memoria. Come un seme di pomodoro tra i denti. So cosa cercate. Il vostro…
Leggi

POLVERE

La polvere nera scende dal tetto e copre ogni cosa, nuvole dense avvolgono la stanza e poi svaniscono risucchiate dal vento. In mezzo noi e…
Leggi

L’ATTACCAPANNI

La nuova casa, grande e luminosa, accolse i giovani sposi e tutto il loro entusiasmo. Lei, avvolta in lunghe sciarpe di lana, gli descriveva le…
Leggi

FATE PRESTO!

La nudità dei malati nella follia degli ospedali-lazzaretto.La disperazione e gli appelli che sfuggono a chi ha smesso d’ascoltare. Mentre pranziamo o ceniamo, la tivvù trasmette…
Leggi

FIGURE

Figure in mare aperto. Cadono. Annegano. Il colore della pelle è pesante, una zavorra. Condannati ancor prima di nascere. Che il Creato sia multicolore a…
Leggi
1 2 3
In copertina particolare di “Armor” (1891) by Odilon Redon